Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

domenica 31 agosto 2014

Scialpi, tra provocazioni e sentimenti

di Laura Ceresoli
“Sono figlio unico, mio padre non c’è più, mia madre è malata di Alzheimer. Gli italiani di solito sono molto legati alle loro radici, io invece in questo momento di solitudine potrei crearmi una famiglia portatile ovunque, magari a Los Angeles, con qualche amico e il mio cane al seguito”.  Scialpi, icona del pop romantico anni ’80, non ha dubbi. Ormai nella sua vita c’è un solo grande amore: Emilia. Ma la sua lei non è l’avvenente ragazza che seduce nel suo nuovo scabroso video “Come to me”, bensì una cagnolina. Da sei anni a questa parte, infatti, il cantante e la sua tenera schnauzerina nana sono praticamente inseparabili: “Sono diventato pro dudù – confessa Scialpi – questi cani hanno un attaccamento morboso al proprio padrone: lo seguono, lo proteggono, lo coccolano. Per uno come me che ha una spiccata personalità è molto carino avere qualcuno che vive solo per me”.
Come nasce la sua passione per gli amici a quattro zampe?
Mi accompagna da sempre. Questo è il mio quinto cane. In passato mi piaceva anche aiutare i cuccioli abbandonati ma ora è un’impresa impossibile per me.
Come mai?
Quando adotti un cane, diventa parte del tuo entourage familiare ma al momento non riesco più ad averne tanti per casa perché sono solo e mi devo spostare spesso. Prima, quando ero in tournée, ci pensava mia madre ad accudire i miei trovatelli, ma ora ha l’Alzheimer. Quando la sua malattia ha iniziato a degenerare, non ho più lavorato per sei mesi per starle a fianco ogni giorno. All’improvviso non è più riuscita a comunicare come prima. È diventata addirittura aggressiva con me: il graffio che mi ha fatto mi ha scioccato, mi ha creato uno squilibrio interiore difficile da cancellare. L’Italia è molto ignorante rispetto a queste malattie, bisognerebbe parlarne di più.
Quindi oggi ha trovato in Emilia un grande conforto. Ma la segue dappertutto?
È la mascotte dei miei tour, la porto ovunque. Tutti la amano. Anche ai concerti, sotto il palco, c’è sempre qualcuno, dal fonico al manager, che la porta fuori se deve fare i suoi bisognini. Viaggia anche in aereo con me perché pesa poco. Le ho insegnato fin da piccola che non deve muoversi quando siamo in volo. Sta in uno zainetto trasparente ed è bravissima, sembra un peluche. È la mia seconda figlia adottiva: l’imprinting è quello di umanizzarla tantissimo.
La seconda figlia adottiva? E la prima chi è?
Ho 52 anni, non ho avuto figli e siccome non volevo essere un genitore vecchio ho fatto un’adozione a distanza, ma non tramite un’associazione. Ho aiutato una mia conoscente ragazza madre che non aveva i mezzi economici per sostenere la figlia. La sua bambina si chiama Fara e oggi ha 6 anni. Fino a poco tempo fa vivevano in Italia e potevamo vederci più spesso. Poi, un anno e mezzo fa, si sono trasferite a Parigi dove ci sono grandi comunità arabe perché qui da noi, come al solito, la mamma di Fara non trovava lavoro. Purtroppo la piccola è minorenne e non potevo tenerla qui con me, così ha dovuto seguire sua madre. Comunque continuo a comunicare con loro attraverso le nuove tecnologie.
Che ricordo ha del suo primo cane?
Il mio primo cane era un maremmano, quando si alzava su due zampe era alto un metro e dieci. Con lui, però, ho avuto un’esperienza poco piacevole perché ha morsicato mia madre e da allora ho deciso che non avrei più avuto cani di grossa taglia.
Il momento più triste legato alla perdita di uno dei suoi cani?
Con Noir, uno schnauzer medio nero, ho sofferto tanto perché all’età di 16 anni è stato molto male e ho dovuto portarlo dal veterinario per farlo sopprimere. Non ce l’ho fatta a vedere la scena.
Fa parte di qualche associazione animalista?
No, io non amo i gesti eclatanti. In genere chi aiuta gli altri non lo dice. Oggi è diventato di moda farsi pubblicità gratuita. Io invece sono più propenso ad agire senza ostentazione. E poi non riuscirei a partecipare alle serate benefiche, come fanno certi vip, solo per il gusto di farmi scattare una foto. Io ci tengo alla privacy. Figurati, faccio fatica ad andare alle feste!
Oltre a un cantante di successo, in passato ha fatto anche l’attore. La sua comparsa nell’episodio dell’Ispettore Derrick “Emilio Caprese è in città” è diventato un cult…
La casa discografica Bmg Ariola cercava un cantante italiano che cantasse in sottofondo durante la puntata. Il regista di Derrick quando mi ha visto ha notato che ero molto spigliato e mi ha fatto recitare quattro battute, nulla di che, ma alla fine è diventato un episodio cult, anzi trash-cult. (Clicca qui per vedere l'episodio di Derrick)
Scialpi pentito delle sue labbra rifatte
Un rimpianto?
In questo misero periodo sociale, la gente si diverte a metterti una spada di Damocle sulla testa. Io in questo momento ho sulla mia testa quella delle labbra rifatte. Questa infiltrazione di silicone psicologicamente mi ha creato molti problemi perché nella parte sinistra si è creata una fibrosi. Prima di farlo non sapevo nulla sulla chirurgia, ho provato e mi sono pentito.
In generale, cosa ne pensa della chirurgia estetica maschile?
Ci sono migliaia di personaggi maschili rifatti e non vedo cosa ci sia di male. Tuttavia, non bisogna essere giovani a tutti i costi, bisogna piuttosto mantenersi bene, magari con le vitamine omeopatiche o le creme, come faccio io. Con la chirurgia non si scherza, bisogna informarsi bene perché può provocare danni permanenti, non solo fisici ma anche psicologici.
Come risponde a chi la accusa di essersi rifatto dalla testa ai piedi?
Io a parte le labbra, non mi sono rifatto proprio nulla. Ho ancora la barba e se mi fossi fatto il lifting non mi crescerebbe più. In uno dei miei ultimi video stringo gli occhi apposta per far vedere che anch’io ho le rughe, così la smettono di scrivere su Twitter che mi sono rifatto e che sono pieno di botulino. Io mi considero un uomo di altri tempi. A me questo atteggiamento italiano così provinciale piace poco. Gli italiani hanno una mentalità troppo chiusa, sembriamo un popolo di comari.
Lei ama cantare in inglese e mi sembra di capire che abbia molta voglia di emigrare all’estero. Cosa non le piace dell’Italia?
Ho uno spirito nomade al momento che mi spinge verso un posto migliore, dove posso stare bene. In Italia oggi è tutto così complicato. Se provi a uscire da un parcheggio fai un incidente, se rispondi male a qualcuno ti accoltella, è diventato un paesaccio per me. Io non voglio più accettare compromessi, non voglio vivere esperienze che non mi piacciono. La stessa cosa vale con la mia musica. Ho avuto una fase in cui mi sentivo quasi obbligato a fare canzoni in Italiano per compiacere il pubblico e la casa discografica, ma adesso che mi autoproduco posso finalmente cantare come voglio. Tanto non mi interessa andare a Sanremo, quello è solo un business. Preferisco portare la mia italianità all’estero, ma non attraverso lo spagnolo, come fanno Ramazzotti o la Pausini, bensì con l’inglese.
Nel video del suo nuovo singolo “Come to me” ha deciso di mettere in mostra pure il suo lato B. Una provocazione?
Perché uno non può essere ancora figo a 52 anni senza ritocchini? Tutta invidia…
(Intervista realizzata a maggio 2014 per il settimanale Visto)

martedì 19 agosto 2014

L'INTERVISTA - Miss Italia Giulia Arena ai fornelli

di Laura Ceresoli
Altro che pasta in bianco o riso precotto. Nonostante quel suo fisico longilineo e quell’eleganza impeccabile che le hanno permesso di conquistare il titolo di Miss Italia 2013, Giulia Arena detesta le diete. Anzi, adora mangiare e cucinare. E infatti, quando la ventenne messinese si mette ai fornelli, tra le sue ricette preferite spiccano tutti i piatti più ricchi, elaborati e sostanziosi che la tradizione siciliana offre, dalla pasta con la bottarga ai mitici cannoli. “Mi piace mangiare bene”, dice, “per me la cucina è un rito e da quando sono a Milano per motivi di studio faccio un po’ fatica ad adattarmi. Per carità, le granite le fanno anche al nord, ma sono un’altra cosa!”. E tra un manicaretto e l’altro, Giulia trova anche il tempo per la televisione. Quest'estate, infatti, ha condotto su La7 il programma “Mode e Modi”, nuovo magazine dedicato alle eccellenze del Made in Italy.

domenica 3 agosto 2014

I ravioli alla bergamasca dello zio "Zizi"


Ripieno di carne, grana padano grattugiato, erbe aromatiche racchiuso in un guscio di pasta fresca dalla forma a mezza luna. È questa l’essenza dei Casoncelli, tipici ravioli bergamaschi serviti con un intingolo di burro, pancetta e salvia. Oggi vi propongo la deliziosa ricetta che mi ha proposto mio zio Giorgio (detto Zizi).