Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

martedì 29 marzo 2016

Coniglietti pasquali di cioccolato


La Pasqua è ormai un ricordo. Avete accontentato i vostri bimbi con innumerevoli uova colorate con sorprese di ogni sorta e adesso avete decine e decine di frammenti di cioccolato che non sapete come smaltire? Bene, prima che finiscano per stipare gli armadietti della vostra cucina per settimane è arrivato il momento giusto per creare dei deliziosi cioccolatini, belli  da vedere ma soprattutto gustosi.

venerdì 18 marzo 2016

Birra e cucina, un matrimonio di gusto

di Laura Ceresoli
(Tratto dal n° di marzo 2016 di Affari di Gola)

“Se ami il cibo, ma conosci solo il vino, è come se cercassi di comporre una sinfonia con solo metà delle note e metà orchestra”. Oliver Garrett, il celebre birraio americano della Brooklyn Brewery ne è convinto. Ogni prelibatezza gastronomica può sposarsi alla perfezione non soltanto con un bianco fermo o un buon rosso ma anche con una birra di qualità. Basta scegliere quella giusta. Ma se in America e nei Paesi nordici questo binomio è ormai un’abitudine consolidata, per una terra dalla lunga tradizione enologica come la Bergamasca si tratta di una tendenza di più recente espansione. Sono stati i giovani, abituati a viaggiare all’estero alla costante ricerca di qualcosa di alternativo, i primi ad apprezzare la cultura brassicola, soprattutto durante le sagre e le Oktoberfest. Ed ora questa antica bevanda, le cui origini risalgono alla Mesopotamia, ha letteralmente conquistato un pubblico più maturo, andando ben oltre il banale accostamento con la pizza o i crauti. In molti ristoranti, anche di alta cucina, non è raro trovare accanto alla carta dei vini una vasta ricca gamma di bionde, rosse o stout in grado di esaltare o contrastare ogni sorta di cibo.  E c’è chi addirittura mette la birra in tavola durante i pranzi di gala. Tra i pregi di questa bevanda fermentata a base di acqua, malto, luppolo e lievito spiccano la versatilità, la moderata gradazione alcolica e un prezzo più contenuto rispetto al vino. La tavolozza di profumi e stili offerta dalla birra è ormai tra le più sofisticate. Ecco perché, prima di decidere a quale piatto abbinarla, va assaggiata, a meno che non ci si affidi ai consigli di esperti del settore come il bier sommelier. Da quando la birra è stata messa al pari del vino, infatti, in Italia si è andata sempre più affermando questa nuova figura professionale che in Germania esiste già da tempo.

giovedì 17 marzo 2016

HAPPY ST. PATRICK'S DAY!

Amate d'Irlanda? Ecco qualche suggerimento per celebrare Saint Patrick

Pubblicato da Il grande cocomero - blog di cucina su Mercoledì 16 marzo 2016

lunedì 7 marzo 2016

Platessa alla paprika affumicata con broccoli romaneschi e pane integrale alle noci

Ingredienti per 3/4 persone:
- 400 gr di filetti di platessa
- un cc di paprika affumicata
- olio extravergine q.b.
- un mestolo di brodo vegetale
- limone
- tre foglie di salvia

Contorno:
- Broccoli romaneschi (quelli a piramide) lessati in acqua salata e successivamente saltati in padella con olio e peperoncino
- Pane integrale alle noci (200 gr di farina integrale, 100 gr di farina 00, 160 ml di acqua, un cc di olio, un cc di lievito di birra, un cc di sale, un cc di miele, 6 noci)
Broccolo romanesco a piramide
Procedimento:
In una padella oliata versate i filetti di platessa e la salvia. Fate rosolare per qualche secondo irrorando con un po' di succo di limone. Spolverate i filetti di paprika e poi versate un mestolo di brodo vegetale. Fate cuocere per una decina di minuti finché il sugo non si sarà rappreso e il pesce non sarà dorato.
Servite con broccoli e una fetta di pane integrale alle noci.

Il video del giorno