Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

domenica 20 dicembre 2015

Lo chef a domicilio che ha stregato casa Gori

di Laura Ceresoli
(tratto dal n. di dicembre 2015 di Affari di Gola)
BERGAMO - Concorda il menu con il cliente, fa la spesa, cucina e, all’evenienza, prepara la tavola e sparecchia. È lo chef a domicilio, una figura professionale gettonatissima in Inghilterra che sta prendendo sempre più piede anche in Bergamasca. L’idea di arruolare tra le mura domestiche un cuoco per preparare una cena fra amici o un sontuoso banchetto natalizio piace al punto che molti gastronomi orobici hanno il loro chef di fiducia che, su richiesta, inviano a casa dei clienti per dar vita a una cena coi fiocchi.
È il caso di Valerio Mologni, titolare dal 1970 della “Bottega de buongustaio” di via Borfuro. Oltre al quotidiano servizio al banco nella sua macelleria, salumeria e gastronomia, allestisce catering natalizi e cene a domicilio in collaborazione con moglie e figlio: “Abbiamo organizzato vari buffet in occasione dei saluti di Natale aziendali, istituzionali o anche tra amici – spiega Mologni – Poi ci è venuta l’idea di allargare ulteriormente il servizio inserendo lo chef a domicilio. Mio figlio Vittorio, cuoco diplomato con esperienza sia in Italia che all’estero, si reca a casa del cliente insieme a un suo collaboratore, e prepara cene con menu su misura i cui prezzi variano in base ai piatti scelti e al numero di invitati. Abbiamo varie specialità, sia di carne (come spadaccino ripieno o cappone con farcitura natalizia) che vegetariane (pasta fresca o torte salate con ricotta e spinaci). Si fa un sopralluogo nell’appartamento dell’interessato per osservare gli utensili a disposizione nella sua cucina, si decidono gli ingredienti e poi il giorno prestabilito il cuoco va a cucinare a domicilio. Al momento resta una tendenza di nicchia che però sta prendendo piede tra le famiglie più abbienti”. Chi da anni non può fare a meno della Bottega del buongustaio è la famiglia Gori. I genitori del sindaco di Bergamo Giorgio Gori (marito di Cristina Parodi), infatti, abitano a pochi passi dalla storica gastronomia di via Borfuro e sono soliti ordinare da Mologni il pranzo di Natale. “Alle 12.30 in punto del 25 dicembre suonerò il campanello di Alberto Gori e della moglie Maria (detta Mimma) per consegnare le mie specialità – conferma il macellaio –. In questo caso non cuciniamo direttamente a casa loro, prepariamo tutto nella nostra gastronomia e poi effettuiamo servizio a domicilio pochi minuti prima che si siedano a tavola. Il menu per il momento è ancora top secret e non è facile prevedere come sarà perché amano cambiare. Quello che è certo è che anche quest’anno avremo il privilegio di cucinare per la famiglia Gori e per una trentina di invitati. Ho già incrociato la signora mimma qualche settimana fa e mi ha detto di tenermi pronto per l’evento”.





Nessun commento:

Posta un commento