Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

venerdì 8 marzo 2013

Giulia Romanelli: "Il cibo? Una questione di stile"


di Laura Ceresoli
Una scena della pubblicità Barilla del 1987
Una bambina con un impermeabile giallo perde il pulmino dopo la scuola. Intanto la mamma la attende a casa con un piatto di pasta fumante. Sotto una pioggia incessante, di fronte a un portone, la ragazzina trova un gattino tutto infreddolito, lo prende, lo mette sotto la sua giacca e decide di prendersene cura. Era il 1987 e quello spot, accompagnato dalle note malinconiche di Vangelis, diventò il più celebre tra quelli realizzati dalla Barilla. Dietro questa geniale intuizione pubblicitaria c’è lo zampino di Giulia Romanelli, la food styilist bergamasca d’adozione che, da quasi trent’anni, realizza campagne stampa, cartelloni promozionali e spot televisivi che hanno un unico denominatore comune: il cibo.

Come ha iniziato la sua carriera come food stylist?

Io preparo set pubblicitari lavorando con fotografi professionisti. Lo faccio dal 1985. Ho cominciato un po’ per caso. All’inizio della mia carriera, infatti, mi occupavo di grafica pubblicitaria, poi una carissima amica di mia mamma, che faceva la food stylist, mi ha chiamato perché aveva bisogno di un aiuto come assistente. Così ho accettato e mi sono innamorata subito di questo lavoro, tanto che lo faccio da una marea di anni ormai.

Questa carissima amica di sua madre era Luisa de Ruggieri, conosciuta come la prima food stylist italiana, vero?

Sì, esatto, era proprio lei. È stata la prima a proporre in Italia questo tipo di mestiere che aveva imparato in Inghilterra. Una volta tornata in Italia è cominciata la sua carriera, dapprima affiancata da alcuni assistenti, tra cui la sottoscritta, e poi ha continuato da sola.

Ci sono dei trucchi del mestiere che Luisa de Ruggieri le ha insegnato e che ancora oggi lei mette a frutto nel preparare i suoi set pubblicitari?

Questo è un mestiere in cui si impara per esperienza, al momento in Italia non esiste una scuola. Quindi lavorare con qualcuno che lo sa fare è necessario. Inoltre questo non è un lavoro solo di tecnica ma anche di sensibilità. I clienti sono estremamente esigenti e l’abilità sta nel saper mettere in relazione l’aspetto estetico con le richieste del cliente, che sono ben precise.

Insomma, deve riuscire a creare i presupposti per una foto invitante, da mangiare con gli occhi…

Già, la difficoltà sta proprio nel saper rendere il più appetitoso e invogliante possibile il prodotto alimentare rappresentato nella pubblicità.

Chi si rivolge a lei ha già un’idea definita in mente di come vuole pubblicizzare il suo prodotto o tutto è affidato alla sua creatività?

Nel 99% dei casi c’è un’agenzia pubblicitaria che avanza delle proposte ed è seguendo quelle linee guida che io parto per realizzare il set fotografico più adatto alla realizzazione di un’immagine promozionale.

Qual è stata la richiesta più particolare che le è stata fatta?

Quella di dover contare, uno a uno, i ditali di pasta da inserire nel minestrone della foto. Oppure quella del cliente che in una immagine che prevedeva dei gamberi ha stabilito, calcolatrice alla mano, che le code di gambero dovevano pesare esattamente 7 grammi. Quando si preparano le immagini per le confezioni bisogna stare attenti a rispettare le quantità del prodotto perché esistono dei cavilli legali che non possono essere ignorati. Foto di questo genere sono complicate perché vanno inserite in una griglia ben precisa e se non si sta attenti si rischia di compromettere anche il testo della pubblicità.

Pubblicità per Esselunga
Di cosa si è occupata in questi anni?

Campagne stampa, cartelloni pubblicitari, riviste, confezioni, ricettari, calendari, libri di ricette natalizie e pasquali per i supermercati Esselunga. I primi anni facevo anche promozioni e spot televisivi, ma adesso è da molto che non me ne occupo più.

Sempre nell’ambito pubblicitario, quindi?

Sì, mai nell’editoria.

"I quaderni della tavola" Buitoni
E i lavori più divertenti che ha svolto?

La realizzazione di ricettari.

La sua giornata tipo?
La mia giornata inizia molto presto anzi, comincia addirittura la sera prima, quando vado a fare la spesa per procurarmi i prodotti necessari che occorrono per il set. Se invece ho bisogno di cibi deperibili, come le erbe, per esempio, ci vado la mattina stessa. Poi mi reco a Milano allo studio fotografico. Prima di iniziare è fondamentale controllare la luce: devo vedere da che parte proviene per posizionare al meglio gli oggetti, individuare l’altezza del punto di ripresa, eccetera. Poi si fa una preparazione veloce di un piatto per dare la possibilità al fotografo di impostare le foto. Quando tutto è messo a punto, si passa agli scatti del piatto definitivo che verranno mostrati al cliente che farà le sue osservazioni. Il prodotto viene via via modificato, a seconda delle richieste, fino ad ottenere un risultato ottimale.

Tra l’altro lei porta sempre con sé due borse stracolme di oggetti che le servono per lavorare…

Sì, ho due valigie piene di posate, pentole, padelle, piatti, ciotoline, scolapasta, pelapatate, pennelli, bisturi, pinzette, forbici, colori, oltre ai cibi che compro per il set. Se qualcuno vedesse le mie borse non riuscirebbe a capire che lavoro faccio. 

Non sono i clienti a fornire la materia prima, ovvero il cibo che serve per le foto?

Dipende. Dalle aziende di solito arrivano cartoni che contengono 25 chili di pasta, ma se si tratta di fare solo un paio di foto è uno spreco. Quindi preferisco comprare io il mio pacco di pasta.

La pasta al Tonno Rio Mare
Il cibo più difficile da immortalare?
Il tonno.

Come mai?
Il tonno è un cibo molto delicato, crea moltissimi problemi. Visto che non si riesce a usare il pesce nelle scatolette, il cliente ci fornisce dei grossi filetti di tonno. Ma selezionare e tagliare il pezzo che ha le caratteristiche migliori è alquanto difficile perché spesso la qualità non è perfetta. Il suo colore naturale è grigiastro e viene trattato per diventare rosa. Se è troppo grasso, ha delle iridescenze o dei colori strani, crea delle difficoltà al fotografo perché lo scatto non rende. Per non parlare di quanto è sgradevole l’odore di pesce che invade lo studio.

Come avviene questo lavoro manuale di messa in posa del prodotto?

Il grosso lo faccio io, ma poi serve collaborazione di tutti, si accettano consigli.

Per una campagna pubblicitaria quante persone servono?

In generale io lavoro in coppia con la mia assistente. Poi naturalmente c’è il fotografo che non è sempre lo stesso, ma ci viene suggerito di volta in volta dai clienti o dalle loro agenzie di comunicazione.

Lei non fa mai fotografie?

Sì, scatto foto ma unicamente per passione e divertimento, è solo un hobby. Per lavoro, invece, mi occupo solo del set pubblicitario. Le fotografie le lascio fare ai professionisti.

A Bergamo esistono altre food stylist?

Che io sappia no. Tra l’altro anch’io, pur vivendo in Bergamasca, svolgo il mio lavoro a Milano.

Quali sono i fotografi più importanti con cui ha lavorato?

Ho iniziato negli anni ’80 con Mario Zappalà che ai tempi era molto in voga. Ho lavorato anche con Carlo Frattini, Ezio Frea, Raffaello Bra. L’affiatamento con il fotografo è molto importante nella realizzazione dei miei lavori, se poi c’è anche una sintonia di gusto le cose vanno meglio. L’importante è essere estremamente adattabili e pazienti.

Ha lavorato anche con vari registi famosi. Un nome fra tutti?

Alessandro D’Alatri col quale ho collaborato per una pubblicità e che poi è diventato un celebre regista di cinema. Sono anni, però, che non mi occupo più di spot per la tv.

 Ehi papà guarda un pollo!
Gli spot televisivi più famosi che ha realizzato?
Il tonno Palmera, con quella specie di Indiana Jones che teneva un pappagallo sulle spalle. Ma anche la celebre pubblicità della Barilla con la bambina che trova un gattino infreddolito e bagnato dalla pioggia e lo porta a casa. Oppure quella del dado col bimbo che dice “Papà guarda, un pollo!”.

Lei ha la passione per il cibo anche nella vita o è solo un’esigenza lavorativa?

Saper cucinare e amare il cibo è fondamentale. Per me è una tradizione di famiglia, mia nonna e mia madre sono sempre state delle ottime cuoche e hanno trasmesso questa passione a me, ai miei fratelli e alle mie cugine fin da piccoli.

Quando ha tempo le piace mettersi ai fornelli?

Sì, moltissimo.

Il suo piatto forte?

Non saprei. Mi piace provare piatti diversi, amo soprattutto i cibi di altri Paesi. Ho una quantità di libri di cucina mostruosa a casa e mi piace sperimentare. La mia è una continua ricerca culinaria.

Quale cucina etnica predilige?

Quella indiana, mi piacciono i cibi speziati.

Invece cosa ama della cucina bergamasca?

I casoncelli.

Come mai ha scelto di vivere a Gorle pur lavorando a Milano?

Il mio compagno è bergamasco, quindi ho scelto di trasferirmi in una zona più a misura d’uomo dove mi trovo infinitamente meglio rispetto a Milano che, invece, è una città, a mio avviso, piuttosto faticosa e caotica.

Se dovesse scattare una fotografia istituzionale per rappresentare Bergamo all’expo 2015, quale prodotto enogastronomico sceglierebbe?

Mi inventerei qualcosa con la polenta che è il cibo più caratteristico, magari abbinata a prodotti tipici della tradizione lombarda come insaccati e formaggi. Però anche i casoncelli…
(Tratto da www.affaridigola.it)

 

Nessun commento:

Posta un commento

Il video del giorno