Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

mercoledì 5 ottobre 2011

I sapori d'autunno nel Canton Ticino


Bancarelle e capannoni, musica e mercatini hanno animato, lo scorso weekend, le principali vie e piazze di Lugano (Svizzera) in occasione della Festa d'autunno. Io e Sergio ci trovavamo lì per una delle nostre consuete gite fuori porta ed è stata una magica scoperta. Un’occasione unica per conoscere i sapori, i prodotti tipici e le tradizioni del Canton Ticino. Un tripudio di folclore, vino e gastronomia, saltimbanchi e musicanti e soprattutto la celebrazione dell'uva e del vino.  

Il centro della città ha accolto i visitatori in numerosi grottini  con specialità tipiche ticinesi, quali polenta con spezzatino, con fagioli e mortadella o con brasato d'asina, il risotto, il minestrone, i vermicelli di castagne, la torta di pane e molte altre squisitezze locali.

 

E come rinunciare ai salumi della zona, come la Luganiga e la Mazza Casalinga del Ticino, in abbinamento ai formaggi tipici come lo Strachin e lo Zincarlin? Il tutto accompagnato da un bicchiere di robusto Merlot del Ticino. Insomma, una festa per tutti alla riscoperta dei sapori autunnali.
 

 


Ecco alcune ricette tipiche del Canton Ticino


Vermicelli di castagne
Ingredienti:
800 grammi di Castagne lessate e sbucciate
250 grammi di mascarpone
zucchero a velo
vanillina
rhum
panna montata
meringhe
cestini di pasta frolla


Passate le castagne con un passaverdura, raccogliendole in una ciotola. Mescolatevi il mascarpone amalgamando bene i due ingredienti. Unite anche una bustina di vanillina e 2 cucchiaiate di zucchero a velo Diluite con un bicchierino di rhum. Mettete circa un sesto del composto in uno schiacciapatate e spremetelo, formando così i vermicelli" su un cestino di pasta frolla (potete trovare al supermercato dei cestini già pronti oppure potete formare dei piccoli cestini con un rotolo di pasta frolla già pronto e fateli cuocere in forno prima di farcirli). Sul fondo di ogni cestino mettete la panna montata, poi i vermicelli e infine una bella spolverata di meringhe.   

Torta di pane

Ingredienti:

1/2 kg. di pane raffermo (bianco)
zucchero a piacere (300 gr. o più)
6 uova, 1 tazza di mandorle macinate
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 cucchiaio di cacao
un poco di noce moscata
la raschiatura di un limone
una bustina di vaniglia
6 amaretti a pezzi, burro quanto basta
il latte necessario a coprire il pane
pinoli e mandorle per guarnire
1/2 kg. di uvetta secca e frutta candita

Mettete il pane tagliato sottile in una terrina, con gli amaretti rotti e la buccia di limone: bagnate con latte bollente. Mettete il coperchio e rimestate ogni tanto. Quando sarà  tiepido, lavorate col frullino per ottenere una pasta omogenea. Aggiungete lo zucchero, le uova, i profumi e le uvette. Versate la pasta in 1 o 2 tortiere rettangolari di uno spessore di 4 - 5 cm. Decorate sopra con pinoli e mandorle. Distribuite dei fiocchetti di burro ed infornare. Cuocete per circa un’ora a calore forte per un quarto d'ora e moderato in seguito. Cospargete di zucchero a velo quando si raffredda.

Ottima anche la raclette. Per la ricetta consultate questo link:


Nessun commento:

Posta un commento

Il video del giorno