Chi sono

La mia foto
Bergamo, Italy
Mi chiamo Laura Ceresoli e sono una giornalista professionista con una grande passione per la cucina, la musica e la scrittura. Mi sono laureata nel 2002 all'Università di Bergamo alla facoltà di Lingue e letterature straniere con indirizzo in Scienze dell'editoria. Ho iniziato l'attività giornalistica nel 2002 al Nuovo giornale di Bergamo. Dal 2006 al 2010 sono stata redattrice per i quotidiani E polis per le redazioni di Bergamo e Brescia. Ho scritto per varie riviste di settore tra cui “Bergamo Economica”, trimestrale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel 2012 ho aperto un ristorante a Nizza. Ho collaborato con L’Eco di Bergamo, con l'edizione bergamasca del “Corriere della Sera” e con il settimanale nazionale “VISTO” . Ho scritto svariati articoli anche per La confederazione, house organ della Siad (Società Italiana Acetilene e Derivati). Scrivo articoli a sfondo culinario per il bimestrale "Affari di Gola" e per la rivista economica on line www.larassegna.it. Collaboro con il settimanale “Bergamo Post”. Nel frattempo il 4 agosto 2009 è nata Margot, la mia splendida bimba, imprescindibile fonte di ispirazione per tutte le mie gustose ricette.

lunedì 26 settembre 2011

Socca



In Costa Azzurra la chiamano Socca. In Italia è meglio conosciuta come farinata di ceci. Nelle brasseries nizzarde, in particolare nella parte vecchia della città francese, questa particolare torta salata è molto in voga. Prepararla è molto semplice, bastano pochi ingredienti:

-       250 grammi di farina di ceci
-       3 cucchiai di olio
-       0,70 litri di acqua
-       Un pizzico di sale
-       Un pizzico di pepe
     Rosmarino

Mischiate tutti gli ingredienti finché non avrete ottenuto un impasto liquido, liscio e omogeneo. Versate il tutto in una teglia e cuocete in forno per una ventina di minuti a 200 gradi.

 



4 commenti:

  1. Fame!
    Sono abbastanza fiducioso di avere ancora un po' di farina di ceci in dispensa... stasera provo la ricetta!
    La pastella deve riposare prima di essere versata nella teglia?

    RispondiElimina
  2. Sì, è meglio far riposare la pastella per un'ora prima di versarla nella teglia...
    Fammi sapere come esce :-)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Il video del giorno